Il Banco conquista il lunch match 71–60

Il Banco conquista il lunch match 71–60

Gli uomini di coach Esposito si impongono nell’anticipo della 2° giornata di regular season: un super Bamforth a referto con 24 punti

Vittoria! La Dinamo Banco di Sardegna conquista la sfida della 2° giornata di regular season e mette in cassaforte i primi due punti in campionato. Dopo un avvio contratto i ragazzi di coach Esposito, trascinati da un super Scott Bamforth a referto con 24 punti, trovano il break e si portano in vantaggio in doppia cifra. Nel secondo tempo Varese si riporta a contatto ma i giganti sono bravi a ricacciare indietro i lombardi.

I giganti conquistano la prima vittoria in campionato per 71-60 con quattro uomini in doppia cifra: top scorer Scott Bamforth, a referto con 24 punti 8/13 al tiro, 5 falli subiti, 3 assist e 24 di valutazione. Doppia doppia per Rashawn Thomas: per lui 10 punti e 15 rimbalzi, 6 falli subiti e 5 assist per un totale 24 di valutazione. Bene Achille Polonara che ha chiuso con 15 punti, 5/6 da due, 8 rimbalzi e 4 falli subiti. Determinante nella reazione del terzo quarto Stefano Gentile, autore di tre bombe che hanno ricacciato indietro Varese: per il giocatore originario di Maddaloni 12 punti a segno. Debutto positivo per Luciano Parodi: il play uruguaiano di passaporto italiano ha segnato i primi punti in maglia Dinamo e distribuito 5 assist ai compagni.

Da domani gli uomini di coach Esposito lavoreranno in vista della prossima sfida in agenda: i biancoblu sono attesi in Inghilterra per la sfida contro i Leicester Riders valida per la 1° giornata di regular season di Fiba Europe Cup.

Forza Sardegna! Prima della palla a due è stato osservato il minuto di silenzio per ricordare la vittima dell’alluvione che ha colpito il sud dell’isola e il presidente Fiba Patrick Baumann, scomparso improvvisamente questa mattina.

Starting five biancoblu con Bamforth, Petteway, Pierre, Thomas e Cooley, Varese risponde con Archie, Avramovic, Scrubb, Caine e Moore. Avvio contratto delle due squadre, Varese si iscrive per prima a referto con Avramovic. Gentile e Thomas rompono il ghiaccio piazzando il primo break, i lombardi rispondono con Moore e Cain. La stoppata di Petteway su Avramovic fa saltare sulle seggiole i cinquemila del PalaSerradimigni. Bamforth punisce gli avversari con due bombe dalla stessa mattonella: Cooley scrive il +10 nel pitturato. Canestro and one di Polonara e dopo 10’ il Banco avanti 16-8. Bamforth continua a bombardare dalla lunga distanza e si porta in doppia cifra. Moore e Scrubb provano ad accorciare: reazione isolana con il 2+1 di Polonara e Cooley. Il canestro di Petteway manda le squadre negli spogliatoi sul punteggio di 31-18. Al rientro dall’intervallo lungo è Alksa Avramovic, pretoriano di coach Caja, a condurre in solitaria la rimonta biancorossa: la guardia serba riporta i suoi dal -13 a un possesso di distanza. La reazione biancoblu non si fa attendere: il duello tra Bamforth e Avramovic appassiona i presenti. Il giocatore originario di Albuquerque piazza il controbreak che permette ai suoi di tenere la testa avanti. È Stefano Gentile a trascinare i suoi: il numero 22 infila tre bombe che scrivono 52-45 al 30’. Nell’ultima frazione gli uomini di coach Esposito scrivono il +10 con Bamforth, Thomas e il primo canestro in maglia Dinamo di Parodi (60-50). Moore conduce l’ultimo tentativo di rimonta di Varese, ma i biancoblu rispondono con solidità trascinati da Polonara e Bamforth. La sfida finisce 71-60.

Sala stampa. Il coach della Pallacanestro Varese Attilio Caja commenta così la gara: “E una partita che la Dinamo ha giocato meglio di noi, ha strameritato la vittoria. Noi siamo stati troppo morbidi, decisamente sottotono, e non si può pensare di affrontare un avversario come Sassari in questo modo.  Siamo andati sotto pesantemente a rimbalzo, abbiamo fatto qualche errore di troppo in difesa e siamo mancati in attacco, soprattutto nel ritmo e nell’esecuzione. Anche quando poi siamo andati vicini a riprenderla le distrazioni e la poca lucidità hanno permesso a Sassari di tornare in fiducia e riportare la gara al proprio ritmo”.

Il coach della Dinamo Banco di Sardegna Vincenzo Esposito: ”Siamo partiti contratti e tesi, e questa è l’unica cosa che mi ha lasciato un po’ perplesso anche se chiaramente ci sta la tensione alla prima gara in casa e dopo la sconfitta alla prima giornata. Tutte le volte che siamo riusciti a essere più sereni abbiamo giocato bene. Giocare con squadre come Varese non è facile, sono aggressive, che sporcano ogni attacco e fanno perdere fluidità. Alla fine siamo riusciti a giocare abbastanza bene anche se a strappi e abbiamo tenuto Varese a 60 punti stradominando a rimbalzo. Quest'utimo è un elemento che cercheremmo di mantenere sempre per alimentare e costruire l’attacco, pur sapendo che non sempre ci riusciremo nel numero e con il divario di oggi. Sono contento della vittoria, vincere è sempre importante e ovviamente incoraggiante. Ora pensiamo alla trasferta in Inghilterra e al lavoro che possiamo fare per conoscere e affrontare al meglio le avversarie di Coppa ma sempre ben focalizzati sul campionato italiano”.
La guardia biancoblu Scott Bamforth: “ E’ stata una sfida molto dura, nelle ultime due partite non avevamo difeso bene e questa era la nostra maggiore preoccupazione. Oggi siamo riusciti a tenere il nostro avversario a 60 punti, giocando una gara solida sia in difesa sia in attacco e questo è stato il modo migliore per tornare alla vittoria in campionato”.

Dinamo Banco di Sardegna 71 – Pallacanestro Varese 60

Parziali: 16-8; 15-10; 21-27;19-15.

Progressivi: 16-8; 31-18; 52-45; 71-60.

Dinamo Banco di Sardegna. Re, Bamforth 24, Petteway 2, Devecchi, Parodi 2, Magro 2, Pierre, Gentile 12, Thomas 10, Polonara 15, Diop, Cooley 4.   All. Vincenzo Esposito

Pallacanestro Varese. Archie 2, Avramovic 19, Gatto, Iannuzzi, Natali 3, Scrubb 7, Verri, Tambone, Cain 5, Ferrero 6, Moore 18, Bertone. All. Attilio Caja

Sassari, 14 ottobre 2018

Ufficio Stampa

Dinamo Banco di Sardegna