Meridiana

Meridiana è una compagnia aerea italiana con sede a Olbia Costa Smeralda, interamente controllata dalla Akfed (Aga Khan Fund for Economic Development). L'azienda è stata fondata con il nome di Alisarda il 29 marzo 1963 dal principe Karim al-Hussayn dell'Aga Khan con lo scopo di promuovere il turismo in Sardegna. I voli di linea sono iniziati nel 1964 e il 3 maggio 1991 il nome della compagnia è stato cambiato in Meridiana. Alla fine di febbraio 2010 è nata Meridiana fly, secondo più grande operatore in Italia. Meridiana fly è figlia della fusione di due principali vettori nazionali: Eurofly, società specializzata in servizi di charter per lungo raggio e destinazioni vacanza, e Meridiana, vettore di linea con un’ampia rete nazionale ed europea che aveva, come obiettivo primario, il collegare i principali aeroporti italiani con i due più grandi delle isole di Sardegna e Sicilia. Nell'ottobre 2011 Meridiana fly acquista la proprietà di Air Italy, vettore charter italiano che è definitivamente entrato nel gruppo e opera alcuni collegamenti per conto della compagnia con sede a Olbia. Oggi, dopo oltre 50 anni, Meridiana offre una vasta gamma di voli e destinazioni, ideali per chi si sposta per vacanza. Per quanto riguarda i voli nazionali e internazionali a breve e medio raggio, programmati dai principali aeroporti italiani, è possibile raggiungere la Sardegna (Olbia e Cagliari), la Sicilia e Napoli, così come le principali mete turistiche del Mediterraneo, l’Egitto, le Isole Canarie, la Grecia e il Mar Rosso. Le principali destinazioni a lungo raggio, servite principalmente da Milano Malpensa e Roma Fiumicino, sono le Maldive, Mauritius, Kenya, Zanzibar, Madagascar, Cuba, Santo Domingo e il Brasile. Gli aeroporti di Olbia - Costa Smeralda, Cagliari, Catania, Napoli e Verona con Milano e Roma sono gli aeroporti di riferimento per Italia.

Come nasce la sinergia fra i giganti biancoblu e MERIDIANA?

Andrea Andorno «Il nostro legame con la Dinamo risale al 2011 e si è via via consolidato nel tempo, accompagnando la società nel percorso che oggi l’ha portata ad essere un attore importante del basket e più in generale di tutto lo sport italiano. Inizialmente nata come attività a supporto di una realtà del territorio, in questi ultimi anni si è rivelata una partnership strategica anche livello nazionale».

Cosa MERIDIANA ha dato e potrà dare alla Dinamo?

«La compagnia è il vettore ufficiale della squadra ed è da sempre vicina alle loro esigenze logistiche. Ogni stagione sportiva, la squadra prende oltre 70 voli e perciò è importante per noi cercare di agevolarla per rendere sempre più confortevole il viaggio dei giocatori e dello staff tecnico».

E cosa la Dinamo ha dato e potrà dare a MERIDIANA?

«Emozioni e soddisfazioni si traducono per l’azienda in importanti stimoli a continuare a sostenere una realtà importante e un modello per tutto il territorio».

Quali i valori, i principi, gli obiettivi e le peculiarità che accomunano Dinamo e MERIDIANA?

«Sicuramente la consapevolezza dell’importanza dello sport nelle strategie di marketing territoriale di una compagnia aerea. In giro per il mondo sono tante le compagnie aeree che sostengono in misura significativa numerose squadre locali e nazionali. Dietro queste scelte aziendali non c’è solo un obiettivo di ritorno dell’investimento, ma c’è la volontà di abbracciare la filosofia, i valori del territorio e rendersi ambasciatori. Gli elementi importanti di un progetto devono vivere nelle azioni quotidiane di tutti i giocatori, dove fare squadra è sicuramente un prerequisito per arrivare al successo».

Quanto è importante guardare a ciò che è “altro” per programmare attività, iniziative e interventi a livello aziendale?

«Uno sguardo all’esterno è alla base delle strategie di un’azienda. Non si può prescindere dal continuo monitoraggio di ciò che succede all’esterno e ciò che fanno i tuoi competitor».

Nello specifico, quanto è importante lo sport per la socialità, la società, la comunità e le persone? Quale la sua valenza?

«È fondamentale, è il legante che spesso serve per trovare comunione tra punti di vista spesso divergenti. Con lo sport, spesso molte divisioni vengono messe da parte e smorzate. È un elemento alla base di una comunità, sia dal punto di vista formativo ed educativo delle nuove generazioni, sia perché contribuisce significativamente al benessere socio economico di un territorio o di una nazione».

Relativamente allo sport, quanto è importante sostenerlo e utilizzarlo come strumento di aggregazione sociale e promozione?

«Per noi è importante, è al centro delle nostre strategie di marketing. Infatti, oltre alla pallacanestro siamo impegnati a sostenere anche delle realtà importanti del calcio a livello nazionale, l'SSC Napoli, e altre livello locale nello stesso sport e nella pallavolo ad Olbia (Meridiana)».

Sport come veicolo di trasmissione del messaggio, innovazione nel rapporto di comunicazione fra azienda e utenza, marketing cosa rende funzionale e appetibile il connubio Dinamo-MERIDIANA?

«Si presta perfettamente, non solo come semplice promozione su una maglia da gara o come striscione o banner all’interno di un palazzetto o di uno stadio. Oggi abbiamo a disposizione molti altri strumenti, vedi i social media attraverso i quali è possibile trasmettere un messaggio sempre fresco e originale, creare nuovi touchpoint di comunicazione. Sotto questo punto di vista, La Dinamo ci è di molto aiuto, non capita a tutti di poter ospitare a bordo la Coppa Italia o lo Scudetto e di poter documentare in tempo reale gli avvenimenti sui social media creando un profondo coinvolgimento».

MERIDIANA, Dinamo e brand equity...

«Accrescere la brand equity è alla base degli obiettivi di un’azienda: tutte le azioni che si svolgono condizionano positivamente o negativamente la percezione che i consumatori hanno di te. In una sponsorizzazione, il rapporto è sempre bidirezionale e i successi dell’uno si riflettono sull’altro. In questi anni Dinamo ha senz’altro contribuito ad accrescere la brand equity di Meridiana, non solo per i successi ottenuti sul campo ma anche per la capacità di coinvolgere e motivare tante persone, non solo in Sardegna ma su tutto il territorio nazionale. Non sono poche le persone che ritengono la Dinamo un modello manageriale e sportivo da seguire. Quale contributo può dare Meridiana alla brand equity della Dinamo è giusto lasciarlo esprimere a Voi».

Sponsorizzazione ad una società sportiva: engagement emozionale e diretto con i supporter o opportunità di conferire esponenziale visibilità al/ai brand coinvolti, nello specifico proprio Dinamo e MERIDIANA?

«Entrambe le cose. Non dobbiamo dimenticare che i supporter/tifosi sono anche dei consumatori e sono anche dei viaggiatori che esprimono delle scelte che non sono solo influenzate da aspetti economici ma sempre più spesso da aspetti emotivi».

Quale il potenziale, espresso e da esprimere, dell'importante investimento compiuto da MERIDIANA in rapporto ai risultati raggiunti dalla squadra?

«In anni di difficoltà economica come questi, la scelta di esserci e di sostenere comunque la squadra, dimostrano la fiducia che Meridiana ha nei confronti della Dinamo. Finora, anche se si può sempre fare di più, possiamo ritenerci soddisfatti dei successi della squadra».

Prossimi obiettivi MERIDIANA?

«Meridiana ha un obiettivo molto semplice da dire e molto più complesso da realizzare: giocare un ruolo che le consenta di stare sul mercato con successo, generando soddisfazione per i propri clienti e contribuendo allo sviluppo economico del suo Paese».

Quali le nuove sfide da affrontare per MERIDIANA – nello specifico – e in generale per gli operatori del settore?

«Il settore è in continua evoluzione e per certi versi la vera sfida è saper guardare al mondo, che ha soprattutto in certe aree geografiche, un potenziale incredibile di crescita sul traffico dei passeggeri».

Quali traguardi possono ancora tagliare, assieme, Dinamo e MERIDIANA?

«Sicuramente tanti, ma è meglio essere scaramantici in questo caso».

Andrea Andorno
Direttore Commercial di Meridiana