G1 LBA | DINAMO - PESARO PREVIEW

G1 LBA | DINAMO - PESARO PREVIEW

26/09/2021 | 00:01:53

All'interno del video l'intervista al pesarese doc Giacomo Baioni, assistente di coach Cavina
L’esordio in campionato è sempre qualcosa che va al di là dei pronostici, il fattore campo è sempre un rischio, gli “upset” sono all’ordine del giorno con la Dinamo che affronta Pesaro, vista alle Final Eight in grandissima difficoltà nei quarti di finale con Venezia. Il torneo italiano ha dimostrato che non puoi mai sottovalutare nessuno a maggior ragione alla prima giornata, anche Sassari ci arriva un po’ con le ossa rotta e vogliosa di riscatto dopo la sconfitta di Supercoppa contro Brindisi.
GIOVENTU’ IN REGIA
Coach Aza Petrovic, ex CT della Nazionale brasiliana ha puntato forte in cabina di regia sul giovane verdeoro Caio Pacheco, che sembra già sotto osservazione per un possibile taglio. La sua posizione è fondamentale per la struttura di squadra e avere dietro un altro esordiente (a parte le apparizioni con Milano della passata stagione) come Moretti non aiuta certo la Carpegna, che ha bisogno di una guida forte nel ruolo di playmaker. Ecco il perché dello sfogo post partita con Venezia del coach croato.
TALENTO DA FAR FRUTTARE
Pesaro ha in squadra due grandi talenti come il lungo Tyrique Jones, attaccante puro, uscito da Xavier con esperienze in Corea e Israele e la guardia Vincent Sanford III, negli ultimi quattro anni in Francia, ex Pau Orthez con un’esperienza biennale anche il Wurzburg in Germania. Da loro ci si aspetta il salto di qualità dal punto di vista offensivo anche se con Venezia Jones è andato in grande difficoltà difensivamente mentre la guardia classe 90 uscita da Dayton ha chiuso con 2/11 al tiro.
LO ZOCCOLO DURO
Pesaro deve puntare forte sulla base di gruppo che le ha permesso di fare una prima grande parte di campionato con Repesa, la duttilità di Zanotti dentro l’area, la classe immensa di Delfino, la capacità di avere impatto dalla panchina di una combo guard come Tambone e il talento atipico di un’ala come Drell, autore di un grande match contro la Dinamo alle Final Eight di Coppa Italia.
Completano il roster il lungo brasiliano Demetrio, autore di 24 punti in amichevole contro il Cedevita ma poi lasciato solo 5 minuti in campo contro Venezia e il giovane senegalese di formazione italiana Gora Camara, centro di grande potenza ma ancora da sgrezzare. Peccato non vederlo nel duello sotto le plance con il connazionale italianizzato Diop.
LA PARTITA
La Dinamo deve assolutamente avere un approccio difensivo aggressivo per mettere in difficoltà Pesaro e spingere in campo aperto. Attaccare sul pick and roll Tyrique Jones è una delle chiavi, muovendo la palla velocemente nell’esecuzione dei giochi, cosa che ha dato ottimi dividendi nel girone di Supercoppa, soprattutto contro i presumibili cambi difensivi di Pesaro. Fondamentale la continuità all’interno dei 40’ e la capacità del coach di trovare risorse da vari interpreti nel corso del match. Bella anche se in ruoli diversi la sfida Logan-Delfino.

Dinamo Banco di Sardegna | Sardegna | Basketball Champions League | Stefano Sardara | Gianmarco Pozzecco | Marco Spissu