G15 LBA HIGHLIGHTS | CREMONA - DINAMO BDS

G15 LBA HIGHLIGHTS | CREMONA - DINAMO BDS

09/01/2022 | 00:03:11

Nel lunch match della 14 esima giornata del campionato di serie A, la Dinamo rende visita alla Vanoli Cremona, reduce da 6 sconfitte consecutive prima dello stop per Covid, complice anche i tanti infortuni all’interno del roster lombardo. Banco, che ha vinto le ultime due partite con Venezia e Varese e non perde con Cremona da 6 partite, l’ultima vittoria dei padroni di casa risale al 2018-2019. Unico assente l’americano Malcolm Miller. Galbiati e Bucchi, entrambi insieme a Molin assistenti di Sacchetti in Nazionale, si affrontano per la 2^ volta, mentre Logan è a 3 assist da quota 300 con la maglia della Dinamo.

Il primo quarto sembra ancora precampionato dopo lo stop forzato per il Covid, si fatica a trovare il ritmo, Robinson prova la prima accelerata (6-12 con 5 punti e 2 assist) ma l’energia di Pecchia e la sostanza di Dime sotto canestro tengono attaccate Cremona. Bucchi ha poco da Mekowulu e cerca risorse dalla panchina, dopo il +5 di fine primo quarto, Logan apre il fuoco con due triple consecutive che danno al Banco il primo break del match, sbaglia aperto dall’angolo quella del +13, ma Sassari sembra poter scappare. Treier è fondamentale da n.5 (7 punti con 4 rimbalzi), la Dinamo va con il quintetto piccolo (senza né Mekowulu o Diop), la bomba dell’estone vale il 32-21 dopo aver aperto un parziale di 8-0. Ma nel momento di massima difficoltà, Poeta, in affanno fino a quel momento, illumina la rimonta di Cremona con 5 assist, Pecchia (12 punti) è immarcabile e cambia inerzia alla partita, il 14-4 Vanoli fa male, Sassari non trova più fluidità in attacco, il 7/22 da due è una croce pesante da portare, all’intervallo c’è solo un punto di vantaggio.

Cremona esce dallo spogliatoio con la voglia di portare a casa la vittoria, Dime mette a nudo tutti i limiti mentali e fisici di Mekowulu (1/9 dal campo) Spagnolo detta il ritmo, un mostruoso Pecchia, autore di 28 punti (massimo in carriera con 10/12 dal campo 6/7 ai liberi, 9 rimbalzi, 5 assist e 8 falli subiti) con un incredibile 48 di valutazione devasta la difesa del Banco che non ha niente dai suoi centri, da Burnell e Kruslin, lasciati presto in panchina. L’anima italiana della Vanoli produce lo strappo che costringe la Dinamo ad un’affannosa rincorsa. Bucchi ci prova con l’animo di Devecchi e l’orgoglio di Gentile (15 pts e 4 assist) ma è troppo poco, la zona 3-2 non funziona, Cremona (31/45 da due) punisce ogni errore di Sassari che sbanda dentro l’area, Logan (11 punti con 3/11) funziona a strappi, il Banco tira con il 36% dal campo e non punge, arriva sempre a 7-8 punti ma non dà mai l’impressione di poter cambiare volto al match. Gli ultimi 10’ sono un up e down che allunga solo l’agonia di Sassari, Poeta (11 punti e 7 assist) gestisce i possessi importanti, 7 punti consecutivi di Pecchia chiudono l’incontro, la Vanoli interrompe la striscia negativa, mentre per la Dinamo una severa lezione e un chiaro ridimensionamento dopo le ultime prestazione con tanti, troppi giocatori senza nerbo e presenza in campo.

Dinamo Banco di Sardegna | Sardegna | Basketball Champions League | Stefano Sardara | Gianmarco Pozzecco | Marco Spissu