Storie biancoblu: Supercoppa con sorpresa

Storie biancoblu: Supercoppa con sorpresa

Il racconto del viaggio della speranza di una sassarese in Erasmus durante la Supercoppa 2014

Inizia tutto a settembre 2014 quando decido di partire per il mio 2°anno di Erasmus in Spagna, per essere precisi a Saragoza, bellissima città dell’Aragona che quell’anno garantiva un volo alla settimana verso l'Italia. 

Io arrivavo da 4 mesi di lavoro-studio a Palma di Maiorca e a Zaragoza dal 2 al 12 ottobre ci sarebbe stata la festa del Pilar, quindi io sarei stata in vacanza, così decisi che era il periodo perfetto per ritornare a casa, fare una sorpresa e godermi la Supercoppa. 

Il mio viaggio inizia alle 2 del mattino del 5 ottobre.: presi un autobus che in quattro ore mi avrebbe fatto arrivare a Madrid da cui prendere l'aereo per Roma, una volta salita sull'autobus (in Spagna ogni biglietto ha il numero di posto e non ci si può sedere come si vuole) mi rendo conto che avrò come vicino un signore Indiano, con un bellissimo turbante, ora a parte il mio disappunto nello scoprire che il turbante in realtà è un cappello rigido si aggiunse anche quello di avere l’assoluta certezza che non avrei dormito affatto durante le 4 ore, poichè il signore accomodatosi di lato si era addormentato e con il suo sedere mi aveva schiacciato completamente contro il finestrino impedendomi ogni movimento! Furono quattro ore di inferno ma arrivammo a Madrid, dove dovetti aspettare altre due ore seduta per terra (chi è stato a Barajas sa che al di fuori dei gate non ci sono sedie dove sedersi) che aprissero gli imbarchi. 

Finalmente alle 9 arrivo a Roma, cadendo in un sonno pesantissimo durante le due ore di traversata, in tutto questo l' idea era anche fare una sorpresa e chiaramente per non farsi beccare bisognava ogni tanto dare segni di vita. 

Verso le 2 decido di chiamare a casa ed esco dall’aereoporto in modo che, una chiamata dell’altoparlante improvvisa non mi tradisse. " Ciao mamma, si mi sono appena svegliata, tutto bene, si siamo uscite e ci siamo divertite!" credevo di essermela scampata quando improvvisamente, un signore affianco a me grida “Aaaaa bello de zioooo viè qua che te abbraccio!". 

Pensai di essere assolutamente fregata e invece dall'altra parte della cornetta sento "Va bene, ricordati che stasera vado a vedere la partita, quindi ti chiamo io come finisce!". Felice di essere riuscita nel mio intento, aspetto fino alle 18 e mi imbarco per Alghero dove mi aspettava un'amica che mi avrebbe portato a casa.

 Alle 19.30 sono a casa, citofono...mio padre quasi non mi voleva aprire, doccia veloce e alle 20.30 sono al palazzetto, compro il biglietto e riesco ad entrare. 

Ricordo che mancavano pochi minuti all’inizio della partita e non so se, l'ansia da finale o il rivedere mia madre dopo 4 mesi, mi abbia quasi fatto commuovere.

 La partita la ricordate tutti, per me sarà però indimenticabile non solo per la vittoria ma anche per il lunghissimo viaggio affrontato.

C.G.

 

 

Vuoi raccontare la tua storia biancoblu? Invia il racconto con una foto all’indirizzo mail ufficiostampa@dinamobasket.com, le più belle saranno pubblicate sul nostro sito ufficiale

 

Sassari, 06 aprile 2020

Ufficio Comunicazione

Dinamo Banco di Sardegna