Hunter Steven

#30 Hunter Steven

Place of birth Chicago (USA)

Date of birth 31/10/1981

Nationality USA

Role Centro

Height 213 cm

Weight 109 kg



Profile

Giocatore di grande prestanza fisica, 213 cm per quasi 120 kg, un centro in grado di essere intimidatore nel pitturato e in grado di essere molto presente a rimbalzo. Nella Nba è stato spesso utilizzato come specialista difensivo, stoppatore, piedi veloci, grande energia che gli hanno permesso di ritagliarsi uno spazio. Puo' correre bene il campo, in post basso usa il gancio destro o il fade away, non ha grandissimo range di tiro, però è molto bravo nel prendere posizione e a far valere le sue doti fisiche.

La carriera

Dopo aver giocato a livello liceale per la Proviso East High School di Maywood, Illinois è passato alla DePaul University, dove in 2 anni ha segnato 9,9 punti di media a partita ed è uscito un anno prima che arrivasse nella prestigiosa università di Chicago un altro giocatore della Dinamo, ovvero Drake Diener. Finita la carriera NCAA è stato scelto nel draft NBA 2001 al primo giro con il numero 15 dagli Orlando Magic. Ha stabilito nella stagione 2006-07 i suoi massimi in carriera per media punti (6,4), rimbalzi (4,8) e minuti giocati (22,9) approfittando dell'annata disastrosa dei Philadelphia 76ers per ritagliarsi un po' di spazio. Il 7 agosto 2009 viene ceduto ai Memphis Grizzlies. Nella Nba in 9 anni ha disputato un totale di 400 partite, ha giocato anche a Denver e Phoenix, acquisendo esperienza. Dopo l'infortunio al ginocchio che lo ha tenuto parecchio lontano dai campi, ha deciso di non aspettare il lock out Nba e di rimettersi in gioco in Europa.

L'uomo

Steven fuori dal campo è un ragazzo molto solare e di grande energia. Sempre con il sorriso sulle labbra, sempre pronto alle battute, è un amante dell'Arizona (ha deciso di vivere lì insieme a sua moglie che arriverà con lui in Italia) e si è trasferito a Phoenix come residenza. Appena sbarcato ha voluto mangiare le fetuccine all'Alfredo ovvero piatto tipico per gli americani (pasta con funghi panna e alcuni ingredienti particolari) e si è subito stupito positivamente del clima della Sardegna e dell'ambiente della Dinamo. Vuole conoscere l'Italia, trascinatore dentro e fuori dal campo, storce solo il naso quando vede la carne di cavallo che in America è decisamente "fuori luogo".