IL POZ GIOCA LE SUE CARTE