Storie biancoblu: Noi siamo sardi

Storie biancoblu: Noi siamo sardi

 

Il racconto di Barbara del dietro le quinte della suggestiva coreografia di Orgoglio Biancoblu in onore del popolo sardo

Sono le 7.45 e ieri notte sono andata a dormire alle 4.30... sono passate solo tre ore, non posso essere sveglia, non dovrei esserlo, ma ho un appuntamento importante, non voglio mancare. L'orario dell'incontro con gli altri è fissato per le 9, dobbiamo ultimare la coreografia: una valanga di bandierine dei 4 mori da collocare nelle tribune basse. Arrivo in anticipo, e chi mi conosce sa quanto questo non mi appartenga, e uno dei ragazzi mi racconta il suo incubo della notte prima: ha a che fare con la coreografia che a quanto pare nel suo sogno non è riuscita. Ci ridiamo su, ma un brivido mi percorre la schiena, l'ansia che qualcosa vada storto c'è sempre... entro al Palazzetto qualcuno è già lì, qualcun altro arriva poco dopo. Alle 9.45 il lavoro è terminato e al Palazzetto ci sono più mori che poltroncine!!! Sulla via del rientro ci fermiamo in piazzale Segni, c'è un'edizione anticipata dei cofani aperti: ci aspetta una torta. Scambiamo altre due battute e poi via. L'organizzazione prevede che alle 11.30 siamo tutti in postazione. Ci coordiniamo, ascoltiamo le ultime direttive e poi dobbiamo aspettare che suoni l'inno di Mameli, quell'attesa è il momento più lungo, è incredibile come durante tutta la fase preparatoria il tempo sembra sempre non bastare, sembra che fugga via e poi quei pochi minuti diventino interminabili Stiamo lì, in piedi e ci guardiamo intorno: vediamo gli spalti riempirsi, le squadre completare il riscaldamento, il cronometro procedere lentamente verso gli ultimi minuti, i minuti della coreografia, i nostri minuti dal settore D arriva uno dei capigruppo visibilmente provato, gli chiediamo che cosa sia successo e per tutta risposta ci racconta che il copricurva di quel settore si è accidentalmente strappato e sono dovuti intervenire con una pioggia di scotch per ripararlo. Ora è a posto, ma sono stati momenti di panico, soprattutto considerando che mancavano pochissimi minuti alla nostra coreografia. Tiriamo un sospiro di sollievo e ci complimentiamo per la pronta riparazione. Con la presentazione delle squadre, iniziamo a srotolare il bandierone, quasi non sento i nomi dei giocatori mentre allarghiamo i bordi del nostro 35 metri dal centro della balaustra verso le estremità del Palazzetto. In tribuna A stanno facendo la stessa cosa. Su entrambi i settori ci sono trentacinque metri di plastica bianca con al centro la bandiera dei quattro mori, in settore D invece quindici metri di carta scritti a mano. Suonano le ultime strofe dell'inno di Mameli e via nel settore D scende la poesia di Grazia Deledda che risuona forte dentro il palazzetto, grazie alla voce di Roberto Carta. In sottofondo si sente procurare e moderare, eseguita dal vivo da Andrea Pisu e Daniele Piu con launeddas e percussioni. Mi guardo in giro, un brivido, commozione pura, tutti stanno ad ascoltare, le  bandiere dei quattro mori sventolano ovunque e sull'ultima strofa Noi siamo Sardi, un boato forte e chiaro da parte dei tifosi, segno di appartenenza, di riconoscimento le launeddas continuano a suonare e al segnale apriamo i nostri 35 metri, i quattro mori ricoprono interamente la parte alta delle tribune, accompagnati dal boato di stupore di chi pensava che fosse tutto finito i mori sono ovunque: danzano nell'aria sulle bandierine e sovrastano il campo osservando muti lo spettacolo dai copricurva. Mentre scorrono gli ultimi secondi prima della palla a due, velocemente portiamo via tutto e andiamo ai nostri posti per vedere la partita. Una vittoria sarebbe stata la ciliegina sulla torta ma, ahinoi, niente ciliegina. Ritiriamo tutto il materiale che abbiamo distribuito e non ci perdiamo d'animo, abbiamo una nuova edizione dei cofani aperti ad attenderci. Amici vecchi e nuovi, membri del gruppo e non, tutti insieme a mangiare sotto il sole di piazzale Segni, certamente avremmo desiderato un finale diverso, ma il post-partita tutti insieme indora la pillola: si, sul campo abbiamo perso ma noi vinciamo sempre, perché comunque sia andata vale sempre la pena farsi una risata!!!

 

Barbara Foddai (Orgoglio Biancoblu)

 

Vuoi raccontare la tua storia biancoblu? Invia il racconto con una foto all’indirizzo mail ufficiostampa@dinamobasket.com, le più belle saranno pubblicate sul nostro sito ufficiale

Sassari, 28 marzo 2020

Ufficio Comunicazione

Dinamo Banco di Sardegna