"Vedo il bicchiere mezzo pieno anche stasera"

"Vedo il bicchiere mezzo pieno anche stasera"

Le parole dei protagonisti

Ad aprire la conferenza stampa il commento del tecnico della Dolomiti Energia Trentino Nicola Brienza: “Siamo molto contenti per quanto fatto, avevamo bisogno di fare una partita importante, sono soddisfatto perchè siamo riusciti a controllare la partita dal primo minuto e siamo stati bravi a seguire il piano partita. Abbiamo limitato Sassari al tiro e siamo stati aggressivi facendo un extra sforzo a rimbalzo, bene così, adesso è importante mettere la stessa energia e concentrazione anche in casa”. 

Coach Gianmarco Pozzecco analizza così la partita: “Complimenti a loro, hanno giocato bene, sono stati avanti tutta la partita e hanno meritato di vincere. Voglio comunque ringraziare i miei ragazzi perchè hanno iniziato sottotono ma hanno combattuto fino alla fine; la costanza di Trento è stata incredibile hanno condotto per tutti i 40 minuti, noi dobbiamo essere lucidi e consapevoli che con i denti e con le unghie abbiamo acciuffato una situazione di parità ed è stato quasi un miracolo, per questa ragione vedo il bicchiere mezzo pieno anche stasera. Ci sta perdere ogni tanto è che questi ragazzi ci hanno abituato male, ma sono davvero contento di come abbiamo reagito: preferisco una squadra che commette errori perchè mette energia per provare a riprendersi l'inerzia che un atteggiamento passivo. Dispiace ovviamente perdere ma può capitare che una squadra venga quì come Trento e faccia una partita di questa intensità, sono stati bravi hanno tirato bene da tre anche se non è la loro peculiarità, e hanno sfruttato bene le loro caratteristiche”.

A chiudere la sala stampa le parole di Stefano Gentile: “E’ stata una gara molto tosta, complimenti a loro perché sono stati super: loro arrivavano da 3-4 partite tra campionato ed Eurocup e avevano bisogno di una reazione. Sono arrivati qui senza nulla da perdere e ci hanno messo in doppia difficoltà, perchè noi abbiamo pagato un calo fisiologico di energia. Noi abbiamo provato a mettere i bastoni fra le ruote ma hanno fatto sempre canestro -anche in maniera strana- mentre noi eravamo un po’ sulle gambe dopo la doppia trasferta e il rientro di giovedì. Eravamo un po’rallentati ma non è vuole essere una scusa, oggi per un nonnulla la potevamo portare a casa, ma sono fiero della mia squadra perchè non abbiamo mai mollato anche quando a loro entrava tutto. Accettiamo la sconfitta, all'andata avevamo vinto noi con un canestro di Curtis quindi siamo in perfetta parità con il karma del basket”.

 

Sassari, 25 gennaio 2020
Ufficio Comunicazione
Dinamo Banco di Sardegna