Crescere da professioniste

Crescere da professioniste

Giovanna Pertile è un po’ diventata la giocatrice del “bisogno”, quando serve lei c’è, quando hai bisogno di un’ala piccola lei gioca in quella posizione, se ti serve come 4 tattico lei si adatta e cerca sempre di farsi trovare pronta. Ne è la riprova la vittoria in casa con Ragusa, dopo aver fatto n.e. la partita prima, la Pertile è stata in campo 25 minuti come una veterana

“Fondamentale farsi trovare pronte, è quella la tua possibilità, cerco di fare tutto ciò che serve alla squadra per aiutarla a vincere, a volte serve una difesa, un rimbalzo, segnare un tiro, non è facile”

Essere un’atleta professionista è qualcosa che sembra un mondo a parte ma nel profondo.

“Riuscire a diventare un’atleta professionista per riuscire a giocare a certi livelli è una questione di mentalità, di lavoro, di credere in te stessa, funziona soprattutto nei momenti difficili, lì puoi contare solo sulle tue forze”

L’essere atleti comporta a volte tante rinunce, ma la strada deve essere già chiara sin dalle giovanili:

“Bisogna fare molti sacrifici, ti formi già la mentalità da piccola, l’alimentazione è fondamentale come la cura del proprio corpo, non è una cosa che impari strada facendo, è una cosa che devi avere quando vuoi diventare una professionista”

“Sono andata via di casa a 17 anni, ma ci sono opportunità che capitano una volta nella vita, sai che sono quei treni che se non prendi te ne penti per sempre. Sono cresciuta come persona, essendo molto timida e riservata, mi ha aiutato molto a “sbloccarmi” e ad ascoltare, sono sicuramente migliorata come persona”

Campionato e basket giocato, la Dinamo ha perso due grosse occasioni per potersi giocare l’accesso ai playoff, prima la sconfitta a Moncalieri, poi quella di Faenza che è costata tantissimo:

“Sconfitta che brucia ma dobbiamo pensare alla partita con Lucca, allenarci bene, sfruttarla per riuscire a giocarcela e a vincere un match molto difficile”

Gruppo solido, gruppo che non si scompone e lotta per un obiettivo:

“Siamo molto unite, ci conoscevamo, aiuta tantissimo in campo, soprattutto quando siamo in difficoltà ed è una cosa fondamentale, vogliamo andare ai playoff ma non possiamo più sbagliare”