Una partita che vale i playoff

Una partita che vale i playoff

Esistono delle storie nello sport che impongono di non sottovalutare mai nessun avversario, anche quando si tratta di squadre che non hanno più niente da dire in questo campionato come la Vanoli Cremona, retrocessa matematicamente al termine di una stagione difficilissima e travagliata. Dispiace moltissimo per Peppe Poeta, simbolo della battaglia e della voglia di non mollare mai, che tante volte ha incrociato i guantoni di sfida con la Dinamo. Dispiace non vedere sul parquet un ragazzo che ha fatto soffrite il Banco, quel Andrea Pecchia che è mancato tantissimo ai lombardi dopo l’infortunio del solito adesivo killer. Dispiace probabilmente non vedere Matteo Spagnolo, giovanissimo playmaker di proprietà del Real Madrid, che si è dichiarato anche per il prossimo Draft NBA, una stella futura del firmamento azzurro. Cremona ha provato in corsa ad ovviare all’infortunio di Malcolm Miller e al rendimento molto alterno dell’americano Harris, ha inserito il lettone Kohrs e soprattutto l’esperto tiratore lituano Juskevicius (10,9 punti di media con il 40% da 3 punti in 8 partite). Il destino è stato beffardo, la partita persa di 2 a Bologna con la Fortitudo, quella di un solo punto in casa con Tortona hanno tagliato le gambe alla squadra di coach Galbiati (assistente di Sacchetti in nazionale), che non è riuscita nel miracolo di rientrare nella corsa salvezza, le ultime 5 sconfitte consecutive sono state determinanti in negativo. In settimana la Vanoli ha salutato anche Cournooh, che è il pezzo pregiato del mercato playoff di Scafati, che vuole assolutamente provare a salire in A1. Sotto le plance ci sono l’esplosivo Jamuni McNeace, che ha pagato gli infortuni e non ha potuto avere un rendimento costante e l’ala forte Tinkle sui la Vanoli aveva puntato molto. Avranno spazio anche i giovani di belle speranze che avevano già calcato il parquet del PalaSerradimigni in Supercoppa come Zacchigna, Gallo ed Errico. Completa il roster il centro senegalese Dime.

La Dinamo non deve pensare che sia una partita facile nonostante le assenze avversarie, non deve pensare agli altri ma a sé stessa, alla sua crescita e alla mentalità da mettere in campo, partita da non sottovalutare e da vincere punto senza troppi giri di parole, il playoff è lì dietro l’angolo, l’ennesimo della storia di Sassari.

MEDIA domenica 1° maggio 2022 ore 20.45, Discovery + WEB SOCIAL CRONACA DINAMO TV

Arbitri: Denny Borgioni, Gabriele Bettini, Giacomo Dori

I PRECEDENTI

Banco di Sardegna e Vanoli si sono già affrontate in 27 occasioni, 18 delle quali conquistate dalla Dinamo.

Sul proprio parquet, Sassari ha vinto 10 gare su 12, perdendo solo il 26 novembre 2016 (82-83) e il 3 marzo 2019 (0-20 per squalifica a coach Pozzecco).

L’ANDATA

Le due squadre si sono affrontate all’andata il 9 gennaio scorso nella 15ª giornata e quel lunch match fu conquistato dai lombardi per 89-80 grazie alla super prestazione di Pecchia da 28 punti e 48 di valutazione.

GLI ALLENATORI

Oltre al match di andata, Paolo Galbiati ha conquistato un altro precedente con coach Piero Bucchi, quello dell’anno passato, quando l’attuale allenatore della Dinamo era a Cantù.

GLI ASSENTI

Banco di Sardegna Sassari - Massimo Chessa sta recuperando da un’operazione al piede.

Vanoli Basket Cremona - Matteo Spagnolo è out per problemi fisici.
Andrea Pecchia ha concluso anzitempo la stagione a causa della rottura del legamento crociato anteriore con lesione distrattiva del collaterale mediale. Cournooh è andato a Scafati in settimana