Dinamo, i 10 comandamenti di gara 1

Dinamo, i 10 comandamenti di gara 1

Inizia il grande ballo del playoff, dove tutto si azzera come dice coach Bucchi, ma dove tutto conta, iniziando dal valore di Brescia che ha roster profondo, sistema di gioco collaudato e pubblico che può essere un fattore. I lombardi hanno fatto incetta di Awards di Lega, sono favoriti, ma di fronte hanno la miglior Dinamo possibile di questa stagione, con un’identità, pronta a dare battaglia e con frecce da giocarsi all’interno della serie.

Gara 1, non fondamentale, ma decisamente importante, lo ha detto coach Magro, lo ha ripetuto Federico Pasquini, entrare con l’approccio giusto, impattare il confronto da un grande segnale agli avversari e soprattutto li mette già in difficoltà, ecco perché la gara di stasera diventa già con un peso specifico elevato. Il coach di Brescia nelle rotazioni dovrà lasciare fuori uno straniero, secondo noi la scelta potrebbe cadere su Moore, vista la "garanzia" delle prestazioni di Laquintana uscendo dalla panchina.

BUCCHI: "AI PLAYOFF SI AZZERA" TUTTO

DINAMOMANIA SPECIALE PLAYOFF

STEFANO SARDARA: "LA MIA DINAMO UNDERDOG"

LA LEONESSA DEI RECORD

Precedenti, statistiche contano zero, adesso siamo ai playoff ed è campo per giocatori veri e uomini veri. Quali possono essere i dieci “comandamenti” per la Dinamo per riuscire a vincere a Brescia

  1. LIMITARE Della Valle – Mitrou Long che segnano 35 punti in due con 9 assist di media, significa che dalle loro mani parte oltre il 50% dell’attacco, creano per loro ma anche per gli altri, Brescia offensivamente è pericolosissima nella circolazione di palla, può segnare 100 punti contro chiunque.
  2. Strettamente legato al primo punto c’è la TRANSIZIONE difensiva, ovvero la capacità di una squadra di non concedere punti facili in contropiede agli avversari, di accoppiarsi immediatamente, di non permettere a Brescia di mettere a segno parziali micidiali
  3. RIMBALZI è una voce chiave per la Dinamo, che ha chiuso 14^ in campionato, sa che in questo fondamentale deve sforzarsi di squadra di riuscire a lottare, a strappare palloni e non concedere seconde opportunità a giocatori che ti puniscono
  4. BILAN merita un capitoletto a parte, è il giocatore che può sparigliare la serie, che deve mettere in difficoltà i lunghi di Brescia, che sono tanti, bravi e soprattutto con un Brown in più, ma possono “soffrire” la tecnica e il peso del centro di Sebenico, vedremo cosa deciderà di fare su lui Alessandro Magro, ma soprattutto con chi partirà in quintetto
  5. L’IMPATTO della panchina è assolutamente da tenere in considerazione, in questo Laquintana e Cobbins sono maestri di efficienza, Sassari deve trovare risorse da Treier e Diop sotto canestro, la serie è dispendiosa, si gioca ogni due giorni, gioco forza Bucchi deve pescare dal mazzo, Gentile in questo senso può essere un’arma in più.
  6. KRUSLIN è l’arma per cercare almeno inizialmente di fermare Della Valle se Bucchi confermerà il solito quintetto. Il croato è grande specialista ma si trova di fronta l’MVP del campionato, che prende un sacco di falli, che ti costringe a spenderli e soprattutto è molto furbo e micidiale nello sfruttare gli errori avversari.
  7. CONTINUITA’ Non basta una Dinamo all’80%, bella per 35’, serve una Dinamo da playoff che tenti di giocarsela per 40’, di riuscire ad essere continua e dentro il match mentalmente, i cali o i passaggi a vuoto come negli sport singoli costano carissimo contro la Leonessa, se Brescia scappa non la prendi più.
  8. LE ARMI TATTICHE vedremo cosa decideranno di mettere sulla scacchiera Magro (al suo primo playoff in A da capo) e Bucchi, la zone press, la zona 3-2, i cambi sistematici, i raddoppi in post basso su Bilan, ci sono tanti fattori nella serie che possono essere preparati a tavolino, è ovvio che dall’altra parte c’è la cosiddetta azione-reazione, come verranno interpretate sul campo e come saranno bravi gli avversari a scardinarle.
  9. LA PRESSIONE Bilan ha detto che la pressione ce l’ha Brescia, è favorita, ha fatto un campionato straordinario da protagonista assoluta, ma da underdog del campionato, adesso gli underdog sono quelli con la maglia del Banco, gara 1 è una sfida che si gioca anche su questo. Brescia ha giocatori di esperienza assoluta, vedi Della Valle, Moss, Gabriel, Brown, non serve capire la loro importanza in partite del genere, ma sicuramente la Leonessa ha un po’ di emozione in più da gestire
  10. L’IMPREVEDIBILE conta eccome in una serie playoff, un jolly che fa una grande partita, situazione falli, metro arbitrale, mantenere i nervi saldi, possessi chiave, gli americani le chiamano “Intangibles”, quelle cose che non entrano nelle statistiche ma sono altrettanto fondamentali.

Adesso le parole sono finite, alle 20:45 viene alzata la palla a due di gara 1, buon playoff a tutti e che lo spettacolo abbia inizio.

BIGLIETTI  Intanto questa mattina alle 09:30 è iniziata la vendita libera dei biglietti per gara 3 che si svolgerà venerdì 20 maggio al PalaSerradimigni

CLUB HOUSE Aperta dalle 20 per assistere tutti insieme a gara 1 dei quarti di finale, palla a due alle 20:45